ITA | ENG | RUS

27.01.2019

CLASSICO, PATTINATO, SCIVOLATA SPINTA: L'EVOLUZIONE DELLA TECNICA

ne parliamo con Andrea Zattoni

CLASSICO, PATTINATO, SCIVOLATA SPINTA: L'EVOLUZIONE DELLA TECNICA

Buongiorno a tutti appassionati di Marcialonga e ben ritrovati con la nostra rubrica di “Consigli e pensieri”. Ormai il nostro grande appuntamento si sta avvicinando e considerato il prepotente ingresso del “Double poling” nel mondo dei granfondisti, oggi andremo ad analizzare con Andrea Zattoni, tecnico del GS Fiamme Gialle, quali sono state le principali evoluzioni tecniche di fronte a cui Marcialonga si è trovata durante le sue 43 edizioni e soprattutto se la sola scivolata spinta sia veramente adatta a tutti noi.

Andrea Zattoni


Ormai quasi mezzo secolo fa, quando dalla piana di Moena ebbe il via la prima edizione di Marcialonga, l’unica tecnica sciistica nota era quella classica, che prevedeva l’utilizzo del passo alternato, del passo triplo, del passo finlandese, del passo spinta e della spinta. La maggior parte di questi movimenti, considerati soprattutto i materiali dell’epoca e la battitura delle piste, prevedevano l’utilizzo degli arti inferiori come principali propulsori del movimento. Infatti i nostri sciatori con una tenuta quasi sempre garantita grazie alla sciolinatura “punta-coda” e l’utilizzo di bastoncini relativi corti, non potevano garantirsi grandi spinte con le braccia.

La prima rivoluzione tecnica, il pattinaggio
Negli anni successivi la scelta di materie prime più performanti per la costruzione degli sci scarpe e bastoncini, l’introduzione dei mezzi battipista e la miglior preparazione dei tracciati ha portato gli sciatori ad evolvere i propri gesti. Tra la fine degli anni 70’ e l’inizio degli anni ‘80 si assiste alle prime sperimentazioni della tecnica di pattinaggio, con gli atleti che iniziano ad uscire dalle tracce battute con uno sci e si garantirono le prime pattinate combinando la spinta di uno sci con la spinta delle braccia.
Questa novità in pochi anni prese fortemente piede e gli atleti iniziarono a pattinare con entrambi gli sci. Uno dei più grandi avvenimenti di questo periodo per la storia dello sci di fondo è rappresentato dalla vittoria della Coppa del Mondo del 1982 da parte di William Conrad “Bill” Koch. Atleta di origine americana che si fece vero e proprio “paladino” e primo vero utilizzatore dell’allora tecnica libera (in quanto gli sciatori potevano scegliere quale tecnica utilizzare). Le cose stavano cambiando rapidamente e anche alle Marcialonghe dell’epoca si vedevano i primi pattinatori. Il primo successo ottenuto in tecnica libera risale al 1985 quando Giorgio Vanzetta utilizzando sci senza sciolina e la tecnica di pattinaggio si presentò per primo sul traguardo di Cavalese.

Le cose progredirono rapidamente, sci sempre più performanti, bastoncini più lunghi e leggeri per spingere anche a velocità più alte, l’introduzione delle scioline fluorate, piste sempre più larghe… per alcuni anni, soprattutto in Italia, sembrava quasi che la tecnica classica potesse scomparire.

Negli anni successivi le vittorie di De Zolt, Botvinov e Gutierrez passano alla storia, ma poi qualcosa cambia nuovamente. Nel 2003 si torna alla tecnica classica obbligatoria e da subito la Scandinavia, o meglio la Norvegia, la fa da padrone. La 30° edizione è vinta da Jorgen Aukland che con gli sci sciolinati vince la gara sui 60 km.

Una nuova rivoluzione?
Tuttavia nel 2004 si assiste a qualcosa di impensabile. Anders Aukland, fratello maggiore di Jorgen, già vincitore di un oro olimpico nel 2002 e di due medaglie iridate nel 2003, affronta l’intero tracciato di gara di 70 km senza utilizzo di sciolina di tenuta. Da quell’anno in poi i più forti atleti specializzati in gare di lunga distanza iniziarono a competere esclusivamente con sci puliti e senza quindi l’ausilio della sciolina.

Internazionalmente il “double poling” o “scivolata spinta”, argomento già sfiorato da Enzo Macor nelle rubriche precedenti trattando la lunghezza dei bastoncini, è un movimento della tecnica classica che prevede l’utilizzo dei soli bastoncini per la spinta, rimanendo all’interno delle tracce battute o all’esterno delle stesse mantenendo gli sci paralleli.
Questa tecnica ha subito delle notevoli modificazioni negli ultimi anni grazie anche alle “nuove proposte” offerte da parte degli atleti di élite. Quando si pensava alla “spinta” si pensava esclusivamente a delle spinte poderose delle braccia e a grandi flessioni del busto in avanti. Ora invece il gesto è diventato molto più efficiente, grazie all’utilizzo della muscolatura addominale, dei grandi muscoli della parte alta del corpo, come il pettorale ed il gran dorsale, e anche degli arti inferiori.
Affrontare 70 km in scivolata spinta, senza sciolina di tenuta, nella maniera corretta e senza incappare in sgradevoli squalifiche, richiede una tecnica molto sviluppata e una preparazione altrettanto importante e mirata.

Con meno di un mese al via della 44^ edizione della Marcialonga il mio consiglio è quello di valutare personalmente le proprie potenzialità, il proprio percorso allenante e la propria tecnica in modo da prendere la decisione migliore su come affrontare il suggestivo percorso di 70 km che da Moena vi porterà a Cavalese.

Detto questo, buona Marcialonga a tutti. 

LEGGI ANCHE

MARCIALONGA: COME SCEGLIERE L'ALLENAMENTO PIU' ADATTO

SCI DA FONDO CON LE PELLI: PERMETTONO DAVVERO BUONE PERFORMANCE?

LA FORZA: SVILUPPARLA PER LO SCI DI FONDO E PER IL PROPRIO BENESSERE

IL CALENDARIO COMPLETO DELLE GARE DI FONDO 2016-2017

L’USO DEGLI INTEGRATORI IN GARA O IN ALLENAMENTO

COSA DEVE CONTENERE LA CASSETTA DELLE SCIOLINE

PILATES, UN OTTIMO ALLENAMENTO PER LO SCI DI FONDO

IL SEGRETO PER PREPARARSI ALLE LUNGHE DISTANZE 

LA MOTIVAZIONE NEGLI SPORT LUNGA DISTANZA

83% LA PERCENTUALE SULLA LUNGHEZZA DEI BASTONCINI CHE FA DISCUTERE

ANTONELLA CONFORTOLA: ESPERIENZA E CONSIGLI SULLA MARCIALONGA

LA NUTRIZIONE INFLUENZA LA PERFORMANCE SPORTIVA?



 torna alla lista 
 
  
#MARCIALONGA

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

E RIMANI AGGIORNATO SU TUTTE LE NOVITÀ MARCIALONGA
Acconsento al trattamento dei miei dati personali con le modalità e per le finalità di cui all'articolo 13 del D.L. 196/2003
MARCIALONGA SHOP
SPONSOR & PARTNER

Main Sponsors

Official Sponsors

Official Suppliers

Institutional Partners

Get involved_
LOC. STALIMEN, 4 38037 PREDAZZO (TN) IT | T. +39.0462.501110, FAX. +39.0462.501120, INFO@MARCIALONGA.IT | © MARCIALONGA 2017 | TUTTI I DIRITTI RISERVATI
P.I. 01344240229 | REG. IMP. TN N.131497 DEL 15/11/1991 CAP. SOC. VERSATO: € 3201,99 | IMPRESSUM | POWERED BY    Event Builder - Accreditation Management System